Per fortuna sono in un momento di grande ispirazione e motivazione, ma spesso ho dovuto confrontarmi con la famosa paura del foglio bianco.

Magari avevo necessità di creare qualcosa e non riuscivo a farmi venire nessuna idea…. cosa fare?

In questi casi ho diverse strategie che vanno dal guardare cosa fanno gli altri nel mio settore (non si tratta di copiare, cosa che detesto nel modo più assoluto, ma di informarsi su cosa è più di tendenza, sia per seguire la corrente sia, a volte, per contrastarla), fino al mollare tutto e andare a farsi una passegiata.

Leggo molto, soprattutto libri storici o riviste di settore, faccio molte ricerche, sia cartacee che sul web, guardo colori, foto, anche di cose che magari non sono strettamente attinenti, ma c’è una cosa su tutte che amo davvero fare: un giro in un negozio di tessuti.

Tutte quelle consistenze diverse, quei colori, sono per me come tante scintille che accendono un fuoco, mi viene voglia di comprare di tutto e per ogni tessuto mi viene subito in mente un modello che potrei realizzare.

Se poi la crisi è veramente difficile da superare vado al mare, non importa che stagione sia, se stia piovendo o ci sia il sole, guardare il mare, respirarne la sua aria, coglierne il profumo per me coincide sempre con una rinascita. Il mare mi ritempra e mi dà forza, mi rasserena e mi carica allo stesso tempo.

E dopo?

Dopo si torna a casa, ci si prepara una buona tazza di tè, si mette su della buona musica e si comincia a buttare giù qualche schizzo.

All’inizio magari non saranno subito quelli giusti, tanti disegni finiscono nel cestino, ma più mi immergo nel lavoro più la mia mente si concentra ed isola da tutto il resto e alla fine nasce sempre qualcosa.

E voi come fate?

Dove trovate le vostre ispirazioni?


Carolina Gi

Stilista per formazione, artigiana per vocazione Tessuti, colori, materiali vari e le mie mani: sono l'attrezzatura che serve alla mente per dare vita al mio spirito creativo. Il mio sogno è far tornare l'amore per la sartoria, i bei tessuti, il buon taglio, in poche parole la qualità unita alla bellezza e alla volontà di essere e sentirsi uniche in un mondo che, purtroppo, tende sempre più all'omologazione e all'appiattimento. Scrivo del mio mondo e del mondo delle tante brave artigiane che mi capita di incontrare lungo il mio cammino.

2 commenti

Erica · 28 Agosto 2017 alle 8:08 pm

Per me ha sempre funzionato la musica e la notte. Ma quando sono veramente stanca funziona il vecchio buon riposo. Complimenti per il blog molto bello e di ispirazione. 😉

    Carolina Gi · 2 Settembre 2017 alle 2:27 pm

    Grazie 🙂
    La musica e il riposo sono indispensabili anche per me, solo che la musica è sempre accessibile, il riposo invece non sempre sufficiente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *